Presentazione del Podcast Atlas Obscura

Per quasi un secolo, un gruppo eterogeneo di animali ha incantato i lettori di tutto il mondo. L’amabile Winnie the Pooh, Piglet, Tigger e il resto della banda sono stati creati da A. A. Milne, che è stato ispirato dai giocattoli di suo figlio. Quei giocattoli originali si possono trovare oggi lontano dai cento acri di legno, nel cuore della giungla di cemento, nella collezione permanente della New York Public Library.

Il modello per il rotondo, allegro Pooh era un orsacchiotto che Milne acquistò dal negozio Harrods di Londra e regalò a suo figlio Christopher Robin per il suo primo compleanno, nel 1921. La collezione di giocattoli del ragazzo crebbe fino a comprendere un asino, un maialino, un canguro e una tigre.

Milne e il suo amico, illustratore E. H. Shepard iniziarono a creare una serie basata su questi animali, e il personaggio di Pooh fece la sua prima apparizione in un articolo di giornale pubblicato nel 1925. Un libro è seguito un anno dopo, e da allora la serie è stata letta da milioni di bambini in tutto il mondo e adattata innumerevoli volte per il cinema e la televisione.

I giocattoli con cui tutto è iniziato sono diventati celebrità a pieno titolo e hanno girato gli Stati Uniti nel 1947 prima di essere donati alla New York Public Library nel 1987. Divennero oggetto di alcune polemiche nel 1998 quando un deputato britannico chiese il loro ritorno in Inghilterra, ma il tentativo fallì.

Le cinque bambole—Pooh, Tigger, Kanga, Eeyore e Piglet—vivono in una teca di vetro climatizzata nel Centro per bambini della biblioteca. L’età e l’affetto hanno contribuito alla loro affettuosa condizione logora.

Vale la pena notare che l’orso in mostra non mette a nudo l’aspetto del Pooh che conosciamo. Dopo uno schizzo iniziale, Shepard decise che Winnie era un po ‘ “troppo burbero” e sostituì l’orso Growler di suo figlio, un orso dall’aspetto più corpulento e amichevole.

Lascia un commento