Mezzadri Sfida degli stati UNITI Apartheid, per i Diritti Civili Insegnamento

Questa lezione esamina uno degli eventi più importanti nella lotta per la vera democrazia nella storia degli stati UNITI, quando una coalizione di attivisti di base sfidato il Mississippi sistema politico, il governo federale e il Partito nazionale Democratico, che escludeva i cittadini sulla base di gara. Lavorando all’interno delle “regole” politiche, gli attivisti hanno formato il Mississippi Freedom Democratic Party (MFDP o FDP) nel 1964 e hanno montato una sfida legittima al sistema esistente di esclusione basata sulla razza. Nel processo, hanno raccolto un pubblico nazionale e scatenato dibattiti morali ed etici. Come spiega lo storico John Dittmer in Local People: The Struggle for Civil Rights in Mississippi:

Il Partito Democratico della Libertà (FDP) è stata una delle istituzioni più importanti e distintive ad emergere dal movimento per i diritti civili. Ha sfidato la supremazia bianca nello stato più repressivo del Sud, combinando l’attivismo di base con un’agenda sociale radicale. FDP ha avuto le sue origini nell’autunno del 1963, quando il Consiglio delle organizzazioni federate (COFO) ha condotto un “Voto di libertà” per drammatizzare l’esclusione degli afroamericani dal processo politico in Mississippi.

Più di 80.000 neri hanno votato il presidente nero dello stato NAACP Aaron Henry come governatore e il cappellano bianco del College Tougaloo Ed King come luogotenente governatore in questa finta elezione. Il successo delle elezioni portò alla creazione di un partito democratico statale indipendente, guidato dai neri, che avrebbe sfidato la legittimità della delegazione suprematista bianca dello stato alla Convention nazionale democratica di Atlantic City, New Jersey, nell’estate del 1964.

Lascia un commento