Aretha Franklin ottiene finalmente credito per il termine che ha reso popolare

La scomparsa di Aretha Franklin all’inizio di questo mese ha scatenato una celebrazione dei suoi profondi e duraturi contributi alla musica popolare americana. Mentre l’ampiezza del lavoro della sua vita è tremenda, una canzone più di ogni altra emblematizza il suo impatto culturale: “Respect”, il grande successo della regina del Soul del 1967.

Rielaborando i testi e la struttura della versione originale di Otis Redding, Franklin trasformò la canzone in un inno duraturo, la sua semplice richiesta di “un po’ di rispetto” risuonava sia come una potente dichiarazione di empowerment femminista che come un cri de coeur dei diritti civili. Meno rimarcato, tuttavia, è l’influenza che la canzone ha avuto sulla lingua inglese.

Anche se Franklin non ha mai ricevuto un credito songwriting, le modifiche apportate ai testi di Redding (elaborato con le sue sorelle e cantanti di riserva Erm e Carolyn) hanno trasformato la canzone sulla sua testa. Mentre Redding incarnava un uomo stanco e laborioso che chiedeva rispetto per essere il capofamiglia, Franklin capovolse la sceneggiatura, con la donna che chiedeva il riconoscimento che merita dal suo uomo, enunciando il suo potere.

Come il “Rispetto” esemplificava la straordinaria capacità di Aretha Franklin di plasmare il proprio lavoro e la propria immagine

La più famosa trasformazione lirica arriva verso la fine della canzone, quando Franklin esprime il suo messaggio senza mezzi termini: “R-E-S-P-E-C-T, scopri cosa significa per me.”Scrive di nuovo la parola, aggiungendo l’ad-lib, “prenditi cura, TCB”, con ” TCB “la sua abbreviazione per” prendersi cura degli affari.”Poi Erm e Carolyn seguono il ritornello a fuoco rapido,” Sock it to me, sock it to me, sock it to me, sock it to me me ”

“Sock it to me”, come ho esplorato in una colonna del Wall Street Journal nel 2015, è servito come esortazione generale in gergo afroamericano e si è fatto strada nel picchiettio dei DJ radiofonici prima che Aretha e le sue sorelle ne facessero uno slogan nazionale nel 1967. Quando la figlia del produttore televisivo George Schlatter ha cantato insieme al ritornello nell’auto di famiglia, Schlatter ha avuto l’idea di incorporare “sock it to me” nel suo nuovo spettacolo, Rowan & Laugh-In di Martin. Mentre Judy Carne divenne sock-it-to-me girl di Laugh-In, anche gli ospiti dello show entrarono nell’atto ripetendo la frase, il più famoso Richard Nixon due mesi prima di essere eletto presidente nel 1968.

Ma prima in “Respect”, nel terzo verso, era un contributo linguistico ancora più significativo. Ecco come Otis Redding ha cantato il verso:

Hey bambina, sei così dolce del miele / E sto per darti tutti i miei soldi / Ma tutto quello che chiedo, hey, è un po ‘ di rispetto quando torno a casa.

Franklin gira le tabelle nella sua versione:

Sto per darti tutti i miei soldi / E tutto quello che sto chiedendo in cambio, tesoro / È di darmi i miei propers quando torni a casa.

Mentre molti hanno interpretato male la parola come “profitti”, Franklin stava sicuramente cantando “propers”, come in “rispetto adeguato.”Quando William Safire le chiese su di esso nel 2002 per il suo New York Times “On Language” colonna, Franklin ha rotto verso il basso per la parola maven:” Io dico ‘propers. L’ho preso da Detroit street. E ‘stato gergo strada comune nel 1960. ‘My propers’ significa ‘rispetto reciproco’ – quello che sai è giusto.”

Altre storie

O forse era un po ‘ più di questo? In un’intervista del 1990 per 60 minuti, Ed Bradley ha cercato di tirare fuori la regina del Soul sulle sfumature sessuali di quella linea, e la canzone in generale. “Chiedile una domanda diretta sulla palpitante sessualità di” Rispetto”, la sua canzone d’autore, e Aretha è scioccata”, ha spiegato Bradley in una voce fuori campo. “Chiedile cosa si intende per’ Dammi i miei propri quando torno a casa ‘o la frase che ha coniato,’ calzamela’, e quella donna di chiesa che è stata allevata per essere sembra chiudere quelle grandi porte di legno contro tali domande indiscrete.”

Nell’intervista, Franklin chiude davvero le porte. Quando Bradley le dice che sente “un sentimento sessuale” in “dammi i miei propers”, lei lo fissa, dicendo: “Mmm-hmm, questo è quello che fa per te.”

Safire, anche, ha cercato di sollevare il punto quando ha parlato con lei nel 2002 in una pausa dal suo tour di concerti. Aveva trovato alcune prove storiche-molto lontane dal gergo di Detroit street degli anni ‘ 60-per sostenere l’idea che i propers avessero un significato sessuale. Nel libro del 1909 Passing English of the Victorian Era, J. Redding Ware incluse una voce criptica per la parola:

Propers (Low Class). Significato rifiutato – ma completamente compreso dalle classi coster. Erotico.

Il lessicografo gergale britannico Jonathon Green, nel suo Green’s Dictionary of Slang, ipotizza che Ware stesse accennando a un significato di “rapporto sessuale”, e che il termine potrebbe essere stato una forma abbreviata di “un vero e proprio vedere-a.”

Safire aveva alzato questo bocconcino vittoriano dopo che uno dei suoi lettori lo aveva informato che “give me my propers” rappresentava un appello “per l’adorazione e l’attenzione di natura sessuale.”Ma proprio come ha fatto in 60 minuti, Franklin ha abbattuto questo suggerimento, dicendo a Safire,” Le persone che dicono che ha una connotazione sessuale non potrebbero essere più lontane dalla verità.”

Indipendentemente dal fatto che” propers “possa nascondere qualcosa di meno che appropriato, la parola ha avuto un impatto duraturo sul lessico, in particolare quando è stata abbreviata in una singola sillaba:” props.”La versione ritagliata apparve in stampa già nel 1990, in un profilo del Chicago Tribune del rapper Roxanne Shante. ” Sono stato uno dei primi rapper femminili, ma ho sempre ottenuto i miei oggetti di scena”, ha detto Shante, spiegando, ” Ciò significa che ottengo rispetto.

Nel corso degli anni ’90, “props” esplose in popolarità grazie al suo uso diffuso nell’hip-hop (spesso intensificato come “mad props”). E nel 2007,” props “finalmente è entrato nell’Oxford English Dictionary, definito come” dovuto rispetto; approvazione, complimenti, stima.”

L’OED non ha inizialmente dato oggetti di scena a Franklin per il suo ruolo nell’originare la parola. Nella mia qualità di consulente informale per il dizionario, ho suggerito agli editori che le radici di “props” in “propers” di Aretha dovrebbero essere annotate. (Matt Kohl, già tecnologo del linguaggio alla Oxford University Press, ha fatto un suggerimento simile in un post del 2013 per il blog Oxford Dictionaries.) Mentre una voce rivista è stata redatta nel 2008 con il significato appropriato di “propers”, la riga di “Respect” non è stata inclusa nell’aggiornamento online dell’OED—la prima citazione data per la parola risale al 1971.

Dopo la notizia della morte di Franklin, ho controllato con i redattori OED per vedere quale fosse la storia con l’apparente mancanza di rispetto per “Rispetto.”Ho pensato che il fatto che la linea “propers” fosse un’aggiunta all’originale potrebbe rappresentare un problema, dal momento che potrebbe non essere apparsa in una trascrizione “ufficiale” dei testi che potrebbe essere consultata dagli editori. O potrebbe la lunga disapprovazione di “propers” come “profitti” aver iniettato qualche ambiguità nell’interpretazione?

Trascrivere l’audio, specialmente dalle canzoni, ha posto una sfida continua per l’OED, che ha preferito l’autorità delle fonti scritte da quando editori e lettori volontari hanno lavorato per la prima volta per raccogliere prove per l’uso delle parole nel 19 ° secolo. In una rubrica” On Language “del 2010, ho scritto di un caso eccezionale, in cui l’OED ha accettato un uso precoce dell’espressione” rock the mic” da una registrazione del 1978 di un concerto rap di Grandmaster Flash e the Four M. C. s, nonostante mancasse una trascrizione definitiva.

Questa volta, si scopre che l’errore umano era da biasimare. Katherine Martin, capo dei dizionari statunitensi alla Oxford University Press, mi ha detto che anche se la redazione dell’OED era stata informata sull’uso di “propers” in “Respect”, “a causa di una svista non è stata aggiunta al momento.”Ma ci sono buone notizie. ” Abbiamo successivamente esaminato come OED cita, cita e date i testi delle canzoni e recentemente abbiamo creato una nuova politica per le trascrizioni audio di questo tipo”, afferma Martin. “Ora aggiungeremo la citazione del 1967 in un prossimo aggiornamento al dizionario.”Aretha otterrà i suoi propers alla fine.

Lascia un commento